In cart Not available Out of stock

Lyrics

LA PERDITA DELLA BELLEZZA

La perdita della bellezza,
è diverso il mio agire giorno dopo giorno,
il mio creare difficile da riordinare
come la mia camera vista e sognata diversa
ma al mio risveglio ancora lì se stessa
a ricordarmi
che son duttili i pensieri
ma tenace la materia

Perdere quella che credi essere l'immagine
l'immagine di te per cui sei qui
con la paura di esser senza identità
è poco male se la puoi creare
svuotandoti di eccessi e vecchi limiti
di storie e pregiudizi deboli
che han fatto il loro tempo ed ora cadono
che tanto c'è chi li raccoglierà

Un vortice che è come ebbrezza
mi spinge e io cedo a ciò che vi sta attorno
il mio affondare nell'iride di questo mare
a cui mi sono arreso con questa rotta inversa
credevo fosse unica ma trovo ressa
e allora accetto
che affondino solo i pensieri
e metto in salvo la materia

Perdere quella che credi essere l'immagine
l'immagine di te per cui sei qui
con la paura di esser senza identità
è poco male se la puoi creare
svuotandoti di eccessi e vecchi limiti
di storie e pregiudizi deboli
che han fatto il loro tempo ed ora cadono
che tanto c'è chi li raccoglierà

Perdere quella che credi essere l'immagine
l'immagine di te per cui sei qui
con la paura di esser senza identità
è poco male se la puoi creare
svuotandoti di eccessi e vecchi limiti
di storie e pregiudizi deboli
che han fatto il loro tempo ed ora cadono
che tanto c'è chi li raccoglierà